IL VINTAGE TI FA BELLA: IL FASCINO DELL’USATO NELLA MODA | DITUTTODIPIÚ IL TUO MERCATINO DELL'USATO

IL VINTAGE TI FA BELLA: IL FASCINO DELL’USATO NELLA MODA

Abiti e accessori che hanno fatto (e visto) la storia diventano un’idea originale
21/04/2022

Abiti e accessori che hanno fatto (e visto) la storia diventano un’idea originale per rinnovare il proprio look in modo sostenibile

 

Il fenomeno della moda vintage non è sicuramente l’ultimo nato in materia di tendenze, ma di certo negli ultimi anni ha avuto un incremento esponenziale e trova nei negozi dell’usato come il Mercatino DITUTTODIPIÙ i propri centri propulsori.

 

Parliamoci chiaro: gli abiti usati li abbiamo portati davvero tutti, non fosse altro per quei vestitini ereditati dal cugino, dal fratello maggiore o dalla figlia dell’amica di mamma che ciascuno di noi, a dir poco una volta durante l’infanzia, ha indossato. E quando abbiamo avuto l’età per rendercene almeno un po’ conto, li abbiamo sfoggiati con orgoglio perché «guarda, lo sai di chi è questo maglione? È di mia cugina, sì proprio lei, quella grande, che esce da sola con le amiche ma che ogni tanto ancora gioca con me» (e che da piccoli guardavamo sognanti, con un misto di adulazione e vanto, come un modello da imitare). Ecco, per le nostre nonne, le nostre mamme era naturale riusare scarpe e vestiti delle sorelle e dei fratelli più grandi. Ciò che non sapevano, forse, è che quella loro abitudine, nata dall’esigenza di non sprecare nulla per fare economia, negli anni è diventata una vera e propria tendenza di moda.

 

In Italia, come spesso accade anche per altre novità, il riciclo di capi usati ha tardato un po’ a farsi spazio come fenomeno di costume, a causa forse di un retaggio da patria dell’alta moda, come ipotizzano taluni sociologi, per cui l’acquisto di abiti e accessori griffati e costosi è sinonimo di un certo status symbol. È agli anni Sessanta invece, che risale la nascita dei primi negozi di abiti vintage, a partire da quel Vintage Chic aperto da Harriet Love a New York, patria delle mille opportunità e delle infinite stravaganze. E nel tempo ne sono seguiti altri anche in Europa, dove oggi, senza ombra di dubbio, assieme a Londra e alle sue iconiche bancherelle di Portobello Road e di Camden, è Berlino la capitale europea dell’usato e dei posti in cui si vende, con i suoi flohmärkte che sono ormai un’affascinante e imprescindibile meta turistica per chi vuole vivere appieno lo charme e la cultura della città.

 

Se nei decenni passati indossare vestiti vintage era una moda di nicchia, nata non a caso da quei figli dei fiori (i cosiddetti “hippie”) che sceglievano appositamente di indossare capi del passato come marchio della loro originalità e della loro volontà di opporsi e distinguersi dai dettami e dai recinti della borghesia rampante, col tempo è diventata una questione sempre meno sociale e di protesta, ma molto più romantica, quasi di pancia. Ecco che sfoggiare quel cappotto anni Settanta o quei mitici jeans del 1985 ci ha fatto subito sentire calati in un’altra epoca e ci ha dato sicurezza: sicurezza di indossare (e perché no, sentirsi) delle vere e proprie icone del passato. Perché, come ha scritto qualcuno, indossare vintage “aumenta la personalità”: rende unico un outift e dona originalità allo stile, facendoci distinguere con fascino dalla massa e raccontando un po’ di noi e del nostro carattere.

 

Non solo: in un’epoca in cui si è sempre più attenti a evitare lo spreco e adottare condotte ecosostenibili, operare una scelta vintage nel vestiario assume anche un significato etico. È risaputo che dopo quella petrolifera, è proprio l’industria della moda il settore a più alto impatto ambientale con una delle maggiori produzioni di inquinamento sul pianeta. Rivolgersi all’usato per creare il proprio guardaroba si rivela quindi anche una scelta responsabile che denota consapevolezza ambientale e alimenta quell’economia circolare che della sostenibilità è l’emblema.

 

Il Mercatino dell’Usato diventa quindi una tappa imprescindibile per il vostro shopping: rivolgersi a DITUTTODIPIÙ per cercare abiti e accessori è una vera e propria esigenza di stile ma anche una scelta etica. Nei nostri punti vendita troverete una vastissima scelta di capi spalla, gonne, pantaloni, ma anche scarpe, borse, orologi, collane e qualsiasi altro accessorio faccia al caso vostro, tutto quello che serve per creare un guardaroba originale e dalla grande personalità. Sarete unici, trendy (come si dice adesso), non omologati agli imperativi della fast fashion e allo stesso tempo avrete fatto bene all’ambiente e all’economia.

 

La bella stagione è alle porte, cosa aspettate a rinnovare il vostro abbigliamento? Noi del Mercatino dell’Usato vi aspettiamo con tantissimi imperdibili capolavori per il vostro armadio.